Nonostante l’approssimarsi del termine imposto dalla legge, che materialmente impedisce di proporre un ulteriore referendum abrogativo delle più recenti disposizioni sul “Super Green Pass”, la raccolta firme preliminare all’indizione del Referendum contro il Green Pass sta riuscendo nel suo intento primario e più immediato di risvegliare i cittadini dal torpore indotto dai media e dalle istituzioni, da troppo tempo sordi alle istanze provenienti dal popolo.

Come si percepisce anche sul mainstream, studenti, lavoratori, intellettuali e politici alzano sempre più la voce per contestare il Green Pass come strumento di controllo della vita e delle attività dei cittadini, ai quali sarà richiesto, in prospettiva, di aderire acriticamente ad ambigui modelli di una fittizia sicurezza sociale, imperniata sul condizionamento permanente dei diritti e delle libertà individuali.

Per contrastare ad ogni costo questa deriva, i promotori del Referendum intendono proseguire nell’attività di raccolta delle firme e far valere, eventualmente anche in sede giudiziaria, la proroga concessa nei mesi scorsi ad altre iniziative referendarie promosse da partiti politici, allo scopo di raggiungere il maggior numero possibile di adesioni.

In ogni caso, la risposta dei cittadini non potrà e non dovrà essere ignorata.

Per questo motivo, i promotori del Referendum sono determinati a dare comunque voce al crescente dissenso popolare, a prescindere dal raggiungimento delle 500.000 firme, mediante iniziative di protesta civile ed azioni giudiziarie, queste ultime promosse innanzi alla Corte europea dei diritti dell’uomo ed eventualmente alla Corte penale internazionale.

Nessuna strada resterà intentata finché non otterremo l’abolizione del Green Pass e l’esplicito ripudio di qualunque forma di obbligo vaccinale, trattandosi di strumenti coercitivi volti a indebolire, fino ad annientare, diritti fondamentali e immanenti all’essere umano, la cui tutela costituisce la ragion d’essere della Costituzione repubblicana.

Olga Milanese, Luca Marini, Francesco Benozzo

26 settembre 2021