In qualità di Comitato organizzatore del Referendum No Green Pass prendiamo atto dell’ulteriore dimostrazione di forza che il Governo ha inteso fornire negandoci la possibilità di prorogare la raccolta firme, come da noi richiesto allo scopo di beneficiare di un lasso di tempo almeno pari a quello di cui hanno beneficiato gli organizzatori di altri referendum, e cioè i partiti politici.
L’omesso riscontro all’istanza di proroga entro la scadenza dei termini mette fine all’unica iniziativa concreta, democratica e civile promossa in questi mesi contro il Green Pass, alla prima proposta referendaria d’iniziativa realmente popolare nell’intera storia repubblicana. È significativo rilevare che nelle stesse ore in cui il Governo sottrae ai cittadini la “penna referendaria” e la voce nelle piazze, impedendo loro sia di prolungare la raccolta firme che di manifestare per le strade, le Istituzioni stanno palesando ciò che i promotori del Referendum No Green Pass hanno sostenuto fin dall’inizio: e cioè che la famigerata certificazione è stata creata per perdurare oltre il 31 dicembre 2021, oltre lo Stato di emergenza, oltre il Covid.
Dinanzi a questa evidenza, quanti hanno ostacolato il Referendum No Green Pass si sono assunti una precisa responsabilità nei confronti dei cittadini, responsabilità che i cittadini stessi saranno chiamati a far valere nella primavera del prossimo anno, quando l’intero Paese sarà ancora vessato dal Green Pass e non potrà disporre dell’unico strumento democratico che avrebbe potuto cancellare questo odioso strumento di discriminazione in modo diretto, senza passare per le aule di giustizia.
Una responsabilità ancora maggiore se si considera che quanti hanno ostacolato il Referendum sono coloro che affermano, a parole, di essere contrari al Green Pass. Esponenti politici, sedicenti opinionisti ed avvocati in cerca di notorietà, infatti, hanno approfittato, più o meno consapevolmente, della fiducia in loro riposta da cittadini disperati e sfiniti dal protrarsi della gestione politica del Covid, e hanno sostenuto l’inopportunità del referendum con argomentazioni risibili, capziose e palesemente infondate sotto il profilo giuridico. I suddetti politici, opinionisti ed avvocati hanno, di fatto, strizzato l’occhio alle stanze del potere col risultato di appoggiare, più o meno consapevolmente, le azioni di un Governo che non gode di alcuna legittimazione popolare, forse perché – al di là di proclami, slogan e appelli vari – hanno interesse a che la “giostra Covid” non si fermi davvero. In questa prospettiva, è ancora più significativo rilevare come i presunti sostenitori del “fronte no green pass” abbiano in diversa misura sostenuto e avallato i referendum proposti dai partiti politici, rispetto ai quali si sta procedendo in tempi record alla validazione delle firme raccolte anche mediante piattaforme telematiche che, nell’attuale fase di applicazione transitoria disciplinata dalla legge 178/2020, hanno un valore legale quanto meno dubbio. Per tacere del fatto che queste piattaforme concretizzano modalità di acquisizione, trattamento, gestione, stoccaggio e utilizzo dei dati personali molto contestate e controverse, come dimostra la divulgazione in queste ore dei dati relativi all’età anagrafica ed alla provenienza geografica dei firmatari dei referendum in questione.
Ovviamente, oltre agli ostacoli di natura “politica”, la raccolta firme per il Referendum No Green Pass ha
scontato anche numerosi e diversi ostacoli di natura “istituzionale”, di cui sono già a conoscenza i cittadini che
da ogni parte d’Italia, nelle scorse settimane, ci hanno segnalato come i rispettivi Comuni negassero l’esistenza
di una raccolta firme contro il Green Pass, sostenessero di non avere ricevuto i moduli per la raccolta delle
firme, omettessero tanto di vidimare i moduli in questione quanto di registrare i documenti dei firmatari,
impedissero con motivazioni pretestuose l’accesso agli Uffici comunali o, provocatoriamente, ne
subordinassero l’accesso all’esibizione del Green Pass.
Se poi si considera il fatto che, al 2 novembre 2021, il Comitato organizzativo ha ricevuto circa 600 plichi
contenenti i moduli con le firme raccolte in altrettanti comuni, sui circa 8.000 comuni coinvolti nella raccolta,
si comprende perché non ha alcun senso parlare di risultati positivi o negativi, e tantomeno di fallimenti. Non
ha senso parlare di risultati semplicemente perché la partita non si è giocata. Non è una partita quella in cui il
pallone viene sottratto ad una sola delle squadre in campo; non è una partita quella in cui i giocatori di una
sola squadra vengono squalificati per falli inesistenti; non è una partita quella in cui si concede ad una sola
squadra un tempo di gioco di 20 minuti, mentre tutte le altre ne hanno 90 a disposizione.
Nonostante tutto ciò i promotori del Referendum sono certi di avere raggiunto un primo risultato importante:
e cioè quello di avere riaperto il dibattito sulla legittimità del Green Pass, di avere risvegliato le coscienze fino
a scuotere dal loro comodo torpore persino i giornali e le televisioni, che per la prima volta hanno dovuto
arrendersi all’idea di concedere un seppur minimo spazio ad una voce dissenziente sul Green Pass, la voce
referendaria, senza riuscire a strumentalizzarla.
L’incredibile partecipazione di volontari – cui va tutto il nostro ringraziamento – a un’impresa concepita da
cittadini per i cittadini e portata avanti senza finanziamenti, senza strutture, senza appoggi politici, ci conferma
che l’azione del nostro Comitato non può fermarsi con la raccolta firme.
Siamo quindi determinati, ora più che mai, ad aprire una nuova fase, dopo quella referendaria, che passi
attraverso le azioni giudiziarie annunciate fin dall’inizio della raccolta firme (alcune delle quali sono già state
avviate da componenti del nostro Comitato) e prosegua mediante ogni possibile azione di carattere civile e
politico, allo scopo di contrastare con tutti i mezzi offerti dal diritto e dalla democrazia qualsiasi tipo di
strumento concepito per condizionare e limitare tanto la titolarità quanto l’esercizio di diritti e libertà
fondamentali, fino a ieri considerati unanimamente intangibili e immanenti nella persona umana.


Avv. Olga Milanese Prof. Luca Marini Prof. Francesco Benozzo

Prof. Alberto Contri Dott. Carlo Freccero Prof. Ugo Mattei Prof. Paolo Sceusa